Un ambiente unico

Grand ski, grand domaine des alpesSerre Chevalier si trova ai piedi delle più belle cime del Parco Nazionale degli Ecrins. Il clima, con influenze mediterranee e alpine, è uno degli aspetti più attrattivi della regione. Lontano dai grandi traffici e dalle grandi città, l’ambiente è preservato, l’aria è pura, non inquinata, e la valle diventa così una vera riserva di salute.

Nella valle della Guisane si respira un’atmosfera conviviale. La valle è innanzitutto un territorio legato alle proprie tradizioni ma che si apre volentieri al turismo. È abitata tutto l’anno da montanari accoglienti; gli albergatori, sorridenti e cordiali, vi porgeranno tutte le attenzioni per una vera sensazione di benessere. Nella valle della Guisane non verrete più come turisti, ma sarete “ospiti”.

Quando in inverno il vento soffia da est, le nevicate possono essere abbondanti. Ma qui il brutto tempo non dura mai a lungo. È quindi sotto un cielo azzurro che potrete sciare sui pendii che dominano la riva destra della Guisane, su un immenso altipiano orientato a nord che termina dopo il Pic del Prorel (2572 m) quando scende su Briançon. Freeride dans les mélèzes

Le piste, alcune con gobbe e altre più larghe, attraversano magnifici boschi di larici secolari e di diverse specie di pini, seguendo un rilievo fatto di combe e avvallamenti, offrendo uno sci sportivo ed estremamente vario.
In altitudine si scia da un pendio all’altro in un ambiente di alta montagna, ma le piste diventano più intime quando attraversano i boschi, dove si incrociano e si perdono… Serre Chevalier è anche una stazione con fuoripista eccezionali, dove i rider più esigenti troveranno di che essere soddisfatti.
A Serre Chevalier, un buon sciatore può percorrere più di 6000 m di dislivello al giorno. Per gli amanti dello sci nordico la stazione offre un «vero» comprensorio per lo sci di fondo, con il marchio « France Ski de Fond ». Seguendo il torrente Guisane, si estende lungo tutta la valle toccando i diversi comuni e attraversando bellissimi boschi di larici.

Serre Chevalier è anche un ricco patrimonio, eredità della sua lunga storia e garanzia dell’identità culturale della regione. Tra i segni più visibili, i campanili romano-lombardi presenti dal XIV° secolo, veri e propri guardiani della memoria. Se ne trovano in quasi tutte le borgate della valle.

Ski de fond à Serre ChevalierA Monêtier les Bains (Serre Chevalier 1500) esiste da secoli una sorgente naturale di acqua calda. Serre Chevalier è oggi la sola stazione della regione PACA a proporre ai suoi clienti un centro termale. L’acqua sgorga a 44°C, viene raffreddata a 36° per l’uso nelle piscine, coperta e all’esterno, e nelle vasche individuali. Questo processo non diminuisce le sue virtù, resta benefica per i reumatismi e per i problemi di pelle, e soprattutto rilassante e rigeneratrice dopo una lunga giornata di attività. È veramente piacevole ammirare, di giorno o di sera, il cielo azzurro, i ghiacciai, le montagne ed i boschi circostanti facendo tranquillamente il bagno.