Serre Chevalier Vallée Briançon, dov'è ?

Un po' di geografia

Nel nord delle Alpi meridionali, a pochi chilometri dall'Italia, nella parte più alta del dipartimento delle Hautes-Alpes, appena sotto il passo del Lautaret, si estendono i 27,7 km della valle di Serre Chevalier fino a Briançon.

Si può essere arroccati sul territorio dei camosci tra i 2000 m (Col du Lautaret) e i 1200 m di altitudine (Briançon), essere sovrastati dagli alti ghiacciai del Parco Nazionale degli Ecrins, ma si ha l'accento canoro e si è bagnati dal sole della regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra.

La nascente Durance, che scorre nel cuore della bella Briançon, città d'arte e di storia, collega il Briançonnais alla Provenza. Senza dubbio, questo è il Sud!

 

Dal Col du Lautaret, immacolato paradiso del kitesurf e dello sci alpinismo, la valle, dominata dal suo punto più alto, Les Agneaux (3.664 m), scende seguendo il corso della Guisane.

 

Image
Domaine Skiable Serre Chevalier
Luka Leroy

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La bellezza di questa valle aperta stupisce il visitatore

Bianca o verde, selvaggia e preservata, la valle, sormontata da un singolare cielo azzurro, si snoda in un susseguirsi di 11 frazioni costruite intorno a tre villaggi faro :

  • le Monêtier-les-Bains (1 500m) e i suo fronte di neve Bachas
  • la Salle-les-Alpes (1 420m) e il suo cuore di  statione di Villeneuve
  • Saint-Chaffrey (1 350m) e il suro centro storico ai piedi delle piste di Chantemerle.

Sapevate che ?

Il fiume che attraversa la valle di Serre Chevalier, la Guisane, prende il nome dalla locuzione latina "aquisana": acqua che guarisce.

Image
Rafting serre chevalier
ZOOM

U po' dis storia

Nonostante il museo di Gap conservi molte tracce dell'occupazione romana, tra cui due bassorilievi in marmo bianco, la presenza degli emissari di Roma è visibile soprattutto a Monêtier-les-Bains.

Il villaggio, chiamato in latino Stabatio "luogo favorevole alla guarigione", è generosamente dotato di quattro risorgive di acqua naturalmente calda che sgorgano dalle viscere delle Alpi a 44°. Benefiche, alimentavano le terme dell'antico villaggio e continuano oggi a riempire di mille virtù le piscine dei Grands Bains du Monêtier dove l'immersione dopo una giornata di sci è semplicemente divina!

Image

In termini di patrimonio, la valle brilla di luce e di tesori sacri o profani, vestigia dal Medioevo ai tempi moderni.

Chiese, cappelle, meridiane, fortificazioni, affreschi, fontane, fattorie di un tempo, ma anche fucine, miniere, filande e concerie, sono tutte occasioni per fortificare cultura e conoscenza durante la vostra vacanza sulla neve!

 A Serre Che, non si costruiscono solo gambe ! 

 

È successo 80 anni fa. Il 21 dicembre 1941 fu inaugurata la funivia di Serre Chevalier, allora una delle più lunghe d'Europa, che consentiva l'accesso alle prime piste del resort. Da allora, Serre Chevalier Vallée Briançon non ha mai smesso di essere un pioniere sotto molti aspetti. Senza una ruga, a 80 anni, Serre Che è ancora in pole position.

 

Sapevate che ?

È dietro l'aquila dello stemma della famiglia Borel della frazione di Bez che Serre Chevalier ha unito i suoi villaggi dietro un vessillo comune. "Serre" in patois significa una piccola montagna. E "chevalier", una gola scavata da un torrente.

 

Una buona dose di unicità !

Briançon, il comune più alto di Francia e persino d'Europa, fa parte del ristretto club di località turistiche in cui è possibile scendere al centro con gli sci attraverso il Prorel.

Quattro fronti di neve per un unico resort e 250 chilometri di piste collegate. Da Monêtier-les-Bains a Briançon senza togliersi le scarpe!

Image
alpesphotographies.com-lautaret
alpesphotographies.com-lautaret

 

Impegnata da molti anni nella transizione ambientale, Serre Che è diventata la prima località a produrre la propria elettricità grazie ai 12 siti integrati negli impianti di risalita, alle turbine eoliche e alla turbina idroelettrica.

I NOSTRI IMPEGNI